Stato dell'ordine
Servizio clienti
Contattaci al numero verde
044 802 90 29

Bella Svizzera - Fotografia paesaggistica con il fotografo Samir Sparks

«Non c'è bisogno di andare lontano per scoprire un bel posto»
Foto del tramonto di Fabian Samir Ben el Warda
«Last daylight», © Fabian Samir Ben el Warda

Fabian Samir Ben el Warda è un fotografo di paesaggi del bellissimo Emmental. Insieme ad altri appassionati fotografi outdoor, ha fondato l'Explore Collective su Instagram. In un'intervista con CEWE, il 23enne parla del suo amore per la natura, la fotografia e dà preziosi consigli per belle foto di paesaggi in diversi periodi dell'anno.

Ciao Fabian! Piacere di conoscerti. Perché non ci parli un po' di te e ti presenti brevemente?
Mi chiamo Fabian Samir Ben el Warda e sono mezzo marocchino e mezzo svizzero. Sono cresciuto in Svizzera, nell'Emmental per essere precisi. Sono un fotografo part-time e sono attivo su Instagram e TikTok con il nome di Samir Sparks.

Portrait di Samir Sparks
Portrait di Fabian Samir Ben el Warda alias Samir Sparks, © Fabian Samir Ben el Warda

Come hai scoperto il suo amore per la fotografia?
Mia madre ha avuto un ruolo importante in questo. Lavora come giornalista locale, quindi sono entrato in contatto con la fotografia in tenera età. Le belle foto e soprattutto la natura mi hanno sempre affascinato. La mia passione per la fotografia è nata soprattutto guardando le foto. Questo mi ha ispirato a provare io stesso. Nel frattempo, ho scattato foto per 7 anni. In realtà ho iniziato con i ritratti. Ma poi sono diventato sempre più interessato alla fotografia di paesaggio e mi sono concentrato su quella per 3 anni. Ho anche viaggiato molto nella mia vita. Questo mi ha ispirato a catturare paesaggi interessanti nelle mie foto.

Hai fondato l'Explore Collective insieme ad altri fotografi outdoor svizzeri. Come si è arrivati a questo?
Ho più o meno imparato da solo a fotografare. All'inizio ero in viaggio da solo. Attraverso le mie attività sui social media, ho incontrato rapidamente nuove persone con gli stessi interessi. Insieme a un amico, ho poi fondato l'Explore Collective su Instagram. Nel frattempo, siamo già quattro membri e di solito pianifichiamo i nostri tour fotografici insieme sei mesi prima. Naturalmente, è molto divertente quando siamo in viaggio insieme.

Paesaggio collinare nell'interno della Svizzera di Samir Sparks
«Art of minimalism», © Fabian Samir Ben el Warda

Qual è l'importanza della fotografia per te?
La fotografia mi permette di fuggire dallo stress della vita quotidiana. Questa è anche la mia motivazione. Voglio dare alla gente una prospettiva diversa sulla natura con le mie foto, anche se solo per un breve periodo. In questo modo possono avere altri pensieri. È particolarmente bello quando riesco a ispirare altre persone a uscire nella natura e a scattare loro stesse delle belle foto.

Quando e dove si possono fare le più belle foto in Svizzera?
Ogni stagione ha il suo fascino. Per me personalmente, l'autunno, con i suoi diversi colori, è la stagione più bella. Mi piacciono i colori caldi nelle mie foto. L'autunno si adatta semplicemente al mio stile. Ma amo anche l'inverno, quando c'è molta neve. C'è qualcosa di molto speciale nel modo in cui il paesaggio cambia e improvvisamente appare completamente diverso. È l'atmosfera stessa che mi piace così tanto. Mi piace l'estrema tranquillità che porta l'inverno. Le foreste e le montagne coperte di neve - sono semplicemente delle belle foto. Secondo me, l'inverno ha anche i tramonti più belli. È allora che si ottengono i colori più spettacolari. Qui nella foto «cold calm» si può vedere l'Oberland Bernese nella cosiddetta ora blu. Penso che questa foto faccia emergere particolarmente bene la calma atmosfera invernale.

«cold calm», © Fabian Samir Ben el Warda
«cold calm», © Fabian Samir Ben el Warda

Un punto culminante della primavera sono i laghi che si formano quando la neve si scioglie. Alcuni laghi esistono solo in primavera perché l'acqua si è già sciolta in estate. Ci sono diversi punti che possono essere fotografati solo in primavera, il lago Sämtis, per esempio. In inverno è ghiacciato e in estate è secco.

Scendere al lago Sämtis dall'alto mentre il sole tramonta e l'ultima neve primaverile si scioglie.
«First warm light», © Fabian Samir Ben el Warda

L'estate è tempo di escursioni. È possibile fare escursioni molto più in alto nelle montagne senza che faccia estremamente freddo. Nelle belle notti d'estate si può campeggiare all'aperto, sperimentare il cielo stellato, l'alba e il tramonto. Un altro vantaggio è che si può stare fuori fino a tardi la sera.
Non è sempre necessario andare lontano in montagna. Ho scattato la foto «Summer memories», per esempio, in una sera d'estate a Krattigen. La moglie di un amico mi ha mostrato questo posto speciale. Mi piaciono soprattutto i raggi del sole che escono qui mentre il sole si nasconde ancora un po' dietro le nuvole e la montagna. Il paesaggio è meravigliosamente idilliaco. Il momento era davvero perfetto.

Escursione serale quando fa più fresco in estate vicino a Krattigen. Con uno sfondo come questo, la macchina fotografica non può mancare.
«Summer memories», © Fabian Samir Ben el Warda

Qual è la ragione che ti spinge a premere il pulsante di scatto in una certa situazione?
Questa è l'intuizione. Viene fuori e basta. I miei tour fotografici sono sempre pianificati, ma il quadro concreto non lo è ancora. Cerco di scattare la mia foto e di ottenere la mia prospettiva sul posto.

Quali consigli hai per i nuovi arrivati nella fotografia di paesaggio?
In inverno, dovresti vestirti nel modo più appropriato possibile in modo da non avere troppo caldo se cammini molto. Ma si dovrebbe essere abbastanza caldi quando si sta in piedi e si scattano foto per un tempo più lungo. È anche importante tenere d'occhio l'ora prima di andare a fare dei tour fotografici e pianificare il fatto che in inverno fa buio prima.

La primavera, per esempio, è molto buona per fare foto anche nella valle. Raccomanderei di programmare la fotografia più verso il crepuscolo.

In estate, si dovrebbe semplicemente stare molto all'aperto. Se state campeggiando in montagna, dovete assolutamente avere un buon equipaggiamento con voi. È molto importante rispettare gli animali e la natura. Non si dovrebbe campeggiare ovunque nella foresta, ma solo dove è permesso e assicurarsi di rimanere sui sentieri escursionistici.

In autunno si possono scattare ottime foto anche durante il giorno. In primavera e in estate la luce è spesso troppo forte per questo. Si possono anche fare foto interessanti nella nebbia autunnale del mattino. Secondo me, si possono fare delle foto particolarmente belle in autunno dove ci sono i larici. La mia foto «Golden time», per esempio, è stata scattata durante un'escursione al Lac Bleu nella regione di Arolla in Vallese. Quando gli alberi assumono i bellissimi colori giallo e arancione e il sole si fa strada, tutto risplende meravigliosamente. Darei anche il consiglio di guardare bene il tempo prima. Si dovrebbe anche pensare: Dove sorge il sole? Dove si colloca? In questo modo puoi posizionarti correttamente per poter scattare rapidamente al momento giusto.

In autunno, i colori del Vallese sono mozzafiato. Questa foto nella zona di Arolla durante un'escursione al Lac Bleu.
«Golden time», © Fabian Samir Ben el Warda

Tu viaggi molto in Svizzera. Cosa significa la Svizzera per te?
Essendo il paese in cui sono cresciuto, la Svizzera ha naturalmente un significato speciale per me. Mi piace il fatto che sia così piccolo e compatto. Non c'è bisogno di andare lontano per scoprire un bel posto. Inoltre, in Svizzera si può arrivare quasi ovunque con i trasporti pubblici. Penso che questo sia davvero molto bello.

Come fai a trovare questi posti speciali per le foto?
Posso solo dare il consiglio di parlare con la gente del posto. Di solito conoscono posti che non sono molto conosciuti e possono darti consigli speciali.

Quali sono i luoghi della Svizzera che vuoi assolutamente fotografare?
Il Gastlosen, per esempio. È sicuramente un posto dove voglio andare. Nelle montagne dell'Albstein, in Engadina, ci sono molti bei posti lì. Ho già visto molto, ma c'è ancora molto da scoprire. È solo un po' lontano dall'Oberland bernese (ride).

L'ora blu nelle alte Alpi dei Grigioni
«Also the moon is rising», © Fabian Samir Ben el Warda

Quali altri consigli puoi dare ai principianti della fotografia?
La cosa più importante è divertirsi ed essere motivati. L'attrezzatura è secondaria. Non ho iniziato con la migliore macchina fotografica e ho comunque fatto buone foto. Si dovrebbe semplicemente provare molto. «Learning by doing» è il motto, soprattutto all'inizio. Alcune persone preferiscono la fotografia di paesaggio, altre preferiscono scattare foto in città.

Che valore hanno le tue foto per te? Le stampi?
Naturalmente, è semplicemente qualcosa di speciale avere le proprie foto in stampa e non sempre solo in digitale. Prima di tutto, è bello ogni volta che lo si guarda, e in secondo luogo, riporta alla mente dei ricordi. Per me, naturalmente, le mie foto hanno un significato diverso da quello che avrebbero se comprassi una foto di un paesaggio da qualche parte perché l'ho vissuto sul posto. Ho anche alcuni fotoquadri nel mio appartamento. I migliori li tengo per me, ovviamente (ride). Ma a volte regalo anche le mie foto agli amici, che ne sono molto contenti.

Grazie mille per l'intervista!

Potete trovare Fabian Samir su Instagram a @samir.sparks e il collettivo di fotografi a @explore.collective.