Stato dell'ordine
Servizio clienti
Contattaci al numero verde
044 802 90 29

Jeremy Blatti ha raggiunto un successo speciale: al CEWE Photo Award, il più grande concorso fotografico del mondo, due delle sue foto hanno raggiunto i primi posti della classifica. Nell'intervista, il fotografo amatoriale di Losanna ci racconta come mostra le storie con le sue foto.

Caro Jeremy, prima di tutto congratulazioni! Presentati brevemente.
Mi chiamo Jeremy Blatti, lavoro part-time come avvocato e come secondo lavoro,insegno snowboard. Sono un istruttore della Fondazione IdéeSport, dove lavoro con giovani e adulti. Nel mio tempo libero, mi piace fare foto, fare sport e viaggiare. Dal 2020, la fotografia è diventata più importante per me.

Jeremy Blatti con la compagna Mel in viaggio, © Mel Tanner
Jeremy Blatti con la compagna Mel in viaggio, © Mel Tanner

In che modo la fotografia è diventata così importante per te?
All'inizio del 2020, sono andato in viaggio con la mia compagna Mel. Stavamo viaggiando in Sud America e poi purtroppo abbiamo dovuto interrompere il viaggio a causa della pandemia. Così siamo tornati a casa in Svizzera dalla Bolivia all'inizio di aprile. È stato un peccato, ma siamo comunque felici e grati di aver potuto viaggiare almeno per qualche mese.

Durante questo periodo, ho fatto molte foto e mi sono preso il tempo per imparare di più sui software di editing delle immagini. Qui in Svizzera viaggiamo molto, preferibilmente nella natura. Prima scattavo foto soprattutto quando viaggiavo, ma ora ho quasi sempre la mia macchina fotografica con me, anche quando sono sulle piste in inverno. Per me, avere l'attrezzatura giusta significa avere più opportunità di fare una foto perfetta.

Poi ho trovato il CEWE Photo Award e ho pensato, perché non presentare qualche foto e vedere cosa succede? Ho cercato di scegliere delle foto un po' insolite. Foto che raccontano una storia. Motivi che potresti non aver visto prima sui social media. E poi ho solo sperato per il meglio, ma naturalmente non mi aspettavo questo risultato.

Come ci si sente ad essere arrivati tra i primi 30 nel più grande concorso fotografico del mondo?
È incredibile. Davvero non riesco a crederci. C'erano così tante foto incredibilmente buone presentate e penso di essere molto fortunato che la mia sia finita così avanti. Ogni foto è soggettiva, ognuno ha un gusto diverso. Per questo sono ancora più contento che la giuria abbia scelto le mie foto. Questo mi motiva immensamente a continuare a farne tante altre.

Hai presentato diverse foto, tra cui paesaggi, light painting, persone, animali... Hai un genere preferito?
Mi piace provare cose nuove. Quello che fotografo dipende sempre dalla situazione. Se vedo qualcuno o qualcosa che cattura la mia attenzione, colgo l'occasione al volo.

Amo la varietà, sia nel mio lavoro che nella fotografia. Così si incontrano sempre nuove sfide e si entra in contatto con molti soggetti diversi. Soprattutto quando sono in giro nella natura, rispondo con la mia fotografia a ciò che vedo sul posto, per così dire. A volte è un paesaggio, a volte un animale, a volte una persona. È spesso molto spontaneo per me, cerco sempre di ottenere il massimo da un'uscita.

In futuro, vorrei provare più spesso l'altro approccio creativo: formulare un'idea nella mia testa e poi realizzarla con la fotocamera.

Cosa significa per lei la fotografia?
Per me, la fotografia è un modo per vivere la mia creatività e tirare fuori il bello da ciò che vedo e vivo. La fotografia significa gioia e divertimento per me. In un certo senso, mi permette di esprimere la mia visione personale del mondo.

Siamo fortunati a poter vedere così tanti posti e fare così tante esperienze. Sono molto consapevole di questo ed è per questo che è importante per me catturare questi momenti.

Con la tua foto «The soul of the alphorn player» sei arrivato tra i primi 30 al mondo al CEWE Photo Award. Come è nata questa foto?

«The soul of the alphorn player», © Jeremy Blatti
«The soul of the alphorn player», © Jeremy Blatti

Ho scattato la foto sulle montagne di Lucerna, il Monte Pilatus. All'epoca viaggiavo in Svizzera in furgone. Lassù, alcuni suonatori di alphorn stavano intrattenendo la gente. E poi quest'uomo è entrato per fare una pausa. Mi è capitato di passare e di vederlo seduto lì sulla panchina e mi sono detto «c'è qualcosa da fare qui». Così ho cercato di catturare il suo stato d'animo e allo stesso tempo mostrare il paesaggio impressionante. Poi, quando la gondola è passata, tutto è andato a posto.

Cosa ti piace di più della foto?
L'immagine racconta una storia e io sono sempre felice quando posso raccontare storie con le mie foto. Non è solo un bel posto, ma sta succedendo qualcosa. Ed è così tipicamente svizzero: un bel paese con paesaggi impressionanti e anche un folklore speciale.

Come riesce a raccontare delle storie con le sue foto?
Non è così facile da spiegare... Penso che aiuti avere delle persone nella foto. Preferisco quando la persona non è frontale, quando non guarda la telecamera. In questo modo non ti chiedi chi potrebbe essere e non ti fai distrarre dalla faccia. La persona che lo guarda può entrare molto meglio nella scena. Mi piace anche fare foto con una le sagome di paesaggi mozzafiato. Mostra quanto sia piccolo l'uomo rispetto alla natura.

Anche la tua foto «The ghost of lake Neuchâtel» racconta una storia ed è arrivata tra i primi 1000 al CEWE Photo Award. Da dove è nata l'idea di questa foto straordinaria?

«The ghost of lake Neuchâtel», © Jeremy Blatti
«The ghost of lake Neuchâtel», © Jeremy Blatti

Questo piccolo padiglione sul lago di Neuchâtel è molto famoso, lo si vede spesso su Instagram. A quel tempo, avevo appena comprato una nuova attrezzatura per fare del light painting. Era una specie di tubo con una luce che si può ruotare. Volevo davvero provarlo, e ho deciso di farlo con la Via Lattea nel cielo. Così ho pensato che il padiglione sarebbe stato un posto perfetto.
Quindi mi sono recato sul posto con il mio furgone, ho dormito nel parcheggio fino alle 3 del mattino e poi mi sono messo al lavoro. Tramite un tutorial di YouTube avevo precedentemente imparato a creare certe forme, compreso questo «fantasma». Ho finito verso le 5 del mattino e questo è quello che è uscito.

Cosa rende la foto così speciale per te?
Mi piace che racconti anche una storia. Si vede spesso questo padiglione, ma per lo più viene fotografato di giorno. Ma in questa foto è in piena notte e si può immaginare di incontrare di notte un fantasma che non ci infesta durante il giorno. Un po' come la magia... questo è anche l'aspetto che mi piace del light painting: non sai mai cosa ne verrà fuori. E non si può semplicemente ricreare una foto, ogni foto è diversa e unica.
Allo stesso tempo, mostra cosa può fare la fotografia: può catturare cose che non possiamo vedere con i nostri occhi. Che siano le stelle o la figura di luce che diventa visibile solo nella lunga esposizione. Se qualcuno mi avesse guardato mentre scattavo la foto, probabilmente avrebbe pensato: «Perché quel tipo si agita?». (ride).

In CEWE, trasformiamo le foto in souvenir di alta qualità. Ecco perché ci interessa: cosa fate con le vostre foto preferite?
Quando io e Mel siamo tornati dal nostro viaggio in Sud America, per esempio, abbiamo deciso di decorare il nostro appartamento con le foto in grande formato. Abbiamo anche creato un fotolibro, come souvenir.
Ho anche regalato alcune delle mie foto. Per esempio, ho fatto delle foto a ai miei nipoti durante un viaggio e le ho regalate a mio fratello. Naturalmente, era molto felice di questo.

Cosa rende le foto un regalo così bello per te?
Le foto spesso mostrano momenti che altrimenti potrebbero essere persi, che rappresentano una storia speciale o mostrano persone che significano qualcosa per te. Questo li rende un regalo molto emotivo e personale.

Un'ultima domanda: qual è il tuo consiglio per i principianti della fotografia?
Basta divertirsi e sperimentare molto. Provare le cose e se va male, provare di nuovo. Non essere deluso se non appare come volevi, a volte è solo una questione di cambiare un po' la prospettiva e si ottiene un risultato completamente diverso.

Grazie mille per l'emozionante intervista!

Se vuoi saperne di più su Jeremy Blatti e la sua arte fotografica, dai un'occhiata al suo canale Instagram (@jayblatti) o al suo sito web (jayblatti.com).