Stato dell'ordine
Servizio clienti
Contattaci al numero verde
044 802 90 29

Intervista con Petra Jung, che ha vinto il CEWE Photo Award nella categoria «Natura» con la sua foto «Pusteblumen-Schirmchen».

«Amo la bellezza del mondo in piccolo»
«Pusteblumen-Schirmchen» di Petra Jung
«Pusteblumen-Schirmchen» di Petra Jung

Con 606.289 iscrizioni, il CEWE Photo Award è diventato ancora una volta il più grande concorso fotografico del mondo. Più di 24.000 foto sono state inviate solo dalla Svizzera. Una donna svizzera ha raggiunto la vetta, Petra Jung di Hämikon nel cantone di Lucerna è stata scelta come vincitrice nella categoria «Natura». Nell'intervista, l'insegnante parla della sua passione per i piccoli dettagli della natura e della fotografia macro.

Cara signora Jung, prima di tutto, congratulazioni per questo incredibile successo. Come ci si sente ad essere arrivati tra i primi 10 su oltre 600.000 candidature da tutto il mondo?
È incredibile. Il CEWE Photo Award è davvero enorme, come fotografo per hobby non me lo sarei mai aspettato. Non posso davvero crederci. Sono solo felice di farne parte e aspetto di vedere cosa c'è in serbo per me.

Si presenti brevemente.
Vengo da Hämikon. Io e mio marito abbiamo due figlie. Viviamo in una zona molto rurale, quindi posso fare meravigliose fotografie intorno alla nostra casa. Non devo andare molto lontano. Professionalmente sono un'insegnante di scuola primaria, tra le altre cose insegno arte. Nel mio tempo libero mi piace stare all'aperto, per esempio andare in bicicletta o fare escursioni.

Fotografo Petra Jung, © Petra Jung
Fotografo Petra Jung, © Petra Jung

Cosa ha detto la sua famiglia del suo successo?
Eravamo in vacanza in quel momento ed eravamo appena tornati dalla spiaggia. Una collega mi ha contattato perché aveva visto la mia foto in TV. L'ha filmato e me l'ha mandato. All'inizio non capivo bene, l'abbiamo guardato tutti insieme diverse volte e ho pensato: «Non è possibile». Ma ad un certo punto ci siamo resi conto insieme di quanto grande fosse questa storia. Naturalmente, abbiamo festeggiato insieme questa meravigliosa notizia la sera con una grande cena.
A poco a poco ho ricevuto congratulazioni da amici e conoscenti, il che è stato bello.

Il motto «Our world is beautiful» l'ha ispirata? Cosa significa per lei?
Per me è il motto della mia fotografia. Mi piace mostrare la bellezza del mondo. Nella fotografia macro, trovare e vedere queste piccole cose... cercare la bellezza nelle piccole cose... è semplicemente fantastico. Per me, questo si adatta perfettamente al CEWE Photo Award.

Perché ha presentato proprio questa foto al CEWE Photo Award?
È una prospettiva insolita in cui si può scoprire questa bellezza. Ci sei così vicino. Molte persone all'inizio non si rendono nemmeno conto di ciò che ho fotografato, perché nella vita quotidiana raramente si guarda così da vicino. Per me, è questo che rende la bellezza in miniatura.
Spesso fotografo insetti e fiori. Ma questa foto è semplicemente qualcosa di speciale, è un motivo che non si vede tutti i giorni in questa forma.

Come è stata scattata la foto?
Era durante il primo lockdown, quando le scuole erano chiuse, quindi ero a casa e naturalmente avevo molto tempo per sperimentare, provare le cose e raccogliere nuove idee. In realtà, non volevo fotografarlo come lo vedete ora, l'ombrello doveva essere in piedi. Ma si è semplicemente ribaltato. Ed è così che è nata questa foto: a volte queste situazioni spontanee danno luogo alle foto migliori.

Qual era l'idea originale dietro all'immagine?
Continuo a cercare di fotografare questi ombrelli con l'acqua. L'idea era di catturare un riflesso nelle gocce. Qui, questa grande goccia si è formata «per errore» e ora sembra fatto apposta.

Qual era la sfida?
Ho scattato la foto al chiuso e prima ho fatto vari tentativi per capire come poteva stare l'ombrello. Infine, ho preso un bicchiere d'acqua e ci ho allungato sopra una calza da donna. Poi ho messo l'ombrello nella calza e l'ho spruzzato con l'acqua. Sullo sfondo c'è uno schermo con una foto di fiori, quella era l'illuminazione. È tutto molto improvvisato, ma mi piace sperimentare ed essere sorpresa da ciò che viene fuori.

Cosa ti piace di più della tua foto?
Trovo i colori caldi e luminosi molto attraenti. E mi piace il fatto che bisogna prima guardare più da vicino per vedere cosa si sta guardando. Questo lo rende eccitante. Ecco perché mi piace particolarmente fare foto come questa.

Se potesse dare alla sua foto una descrizione, quale sarebbe?
La foto mostra una di queste piccole, meravigliose strutture ed elementi in natura. Questa è la descrizione: la bellezza della natura in miniatura.

Ci ha detto che le piace anche stare fuori, nella natura: come si fa a fotografare lì? Come possiamo immaginarlo?
Mi piace fare foto a casa. La maggior parte del tempo vado fuori di casa, dove posso stendermi nell'erba per due ore cercando dei soggetti. Quando lo faccio dimentico addirittura l'ora. È un equilibrio meraviglioso per me. Naturalmente, ci vuole molta pazienza per aspettare che l'insetto sia posizionato al momento giusto e nell'angolazione giusta. Ma mi piace. Di solito fotografo da sola e mi godo la pace e la tranquillità. Per me significa staccare da tutto.

Come si è avvicinata alla fotografia?
È successo quando ero giovane. Ho comprato la mia prima macchina fotografica reflex quando avevo 15 o 16 anni, e da allora ho sempre amato fare fotografie. La fotografia non mi ha mai lasciato andare, mi affascina ancora.

Quanto è importante la fotografia nella sua vita?
Per me, la fotografia è l'hobby a cui dedico più tempo e che mi appassiona di più. Anche quando non ho la mia macchina fotografica con me, ma solo il mio cellulare, faccio molte foto. Ne ho bisogno, perché vedo sempre cose che devo semplicemente catturare.

Oltre a «Pusteblumen-Schirmchen», ha presentato alcuni altri scatti macro. Cosa le piace così tanto della fotografia macro?
Amo la fotografia macro perché non devi andare lontano per trovare i soggetti più belli. Si può sempre trovare qualcosa, in qualsiasi momento dell'anno, e il tempo non ha molta importanza. Non devo viaggiare, posso uscire all'aria aperta e cercare nuovi soggetti ogni volta che ho un'ora libera.

Perché la natura è così in primo piano nelle sue foto?
È semplicemente bello, penso che la natura offra un numero incredibile di soggetti bellissimi. E puoi prenderti il tuo tempo, non c'è fretta.

Ci racconti un momento fotografico speciale che è rimasto nella sua memoria.
In inverno ho fatto un esperimento con le bolle di sapone. Volevo fotografare una bolla di sapone congelata in controluce. Ci sono voluti molti tentativi, perché a volte il vento soffiava via le bolle, a volte non si congelavano affatto, a volte scoppiavano direttamente... Di conseguenza, la mia gioia è stata enorme quando finalmente ci sono riuscito.

Bolla di sapone congelata, © Petra Jung
Bolla di sapone congelata, © Petra Jung

Non sentivo nemmeno più il freddo. Ero così presa dal momento e così concentrata. Ma quando sono rientrata da fuori, ho notato che faceva davvero freddo (ride).

Qual è il suo consiglio per i principianti della fotografia?
Guardare sempre con attenzione. Avere sempre con sé una macchina fotografica o un telefono cellulare per approfittare delle opportunità di foto spontanee. E poi provare. Secondo la mia esperienza, vale la pena cambiare prospettiva e scattare foto da tutti i lati. Quindi da terra o da una vista dall'alto. Questo fa molta differenza e offre possibilità a cui forse non si è pensato prima.

Ha mai scattato fotografie con i suoi alunni?
Quando insegnavo a bambini più grandi, l'ho provato, sì. Abbiamo fatto una «pulizia artistica». I bambini hanno tirato fuori tutti gli oggetti dalle loro custodie, li hanno disposti in modo creativo e li hanno fotografati. È stato emozionante vedere come sono venute fuori le foto in modo diverso.

CEWE è sinonimo di prodotti fotografici personali, ricordi che si possono toccare. Che valore ha per lei una foto stampata?
Per me, una foto diventa un'immagine solo quando posso tenerla in mano. Ecco perché ho scaffali pieni di fotolibri. Per esempio, dall'infanzia delle mie figlie, che ora hanno 18 e 21 anni, ci sono circa 20 fotolibri per figlia, dalla nascita ad oggi. A loro piace guardare e riguardare e ricordare come erano una volta.
Naturalmente, voglio anche tenere un ricordo delle mie vacanze, quindi faccio sempre un fotolibro come souvenir. Ne ho anche regalati alcuni, per esempio per i compleanni o per i miei genitori. La gioia è sempre enorme.
Ci sono anche molte foto in casa nostra, che siano istantanee della famiglia, del gatto o immagini di vacanze e viaggi. Ordinerò certamente il «Pusteblumen-Schirmchen» sottoforma di fotoquadro e lo appenderò.

Grazie mille per l'intervista!