Stato dell'ordine
Servizio clienti
Contattaci al numero verde
044 802 90 29

Foto d'azione con Tinu Müller e il campione olimpico di snowboard Gian Simmen

Nell'intervista, i due appassionati di fotografia sportiva parlano della loro lista di cose da fare, dei loro viaggi divertenti e danno preziosi consigli per foto d'azione di successo.
Premiato: «Out of the white room» di Tinu Müller
Premiato: «Out of the white room» di Tinu Müller è entrato nella Top 1000 del CEWE Photo Award, © Tinu Müller

Gian, sei un campione olimpico di snowboard, come è successo?

Gian: Ho scoperto il mio grande amore per lo snowboard quando avevo 12 anni e da allora sono stato sulle piste ogni volta che è stato possibile. Il primo anno da professionista ho viaggiato in tutta Europa, ma non ho vinto nessuna competizione. Nell'estate del 1997, tuttavia, mi sono qualificato per i Giochi Olimpici. Nel febbraio 1998, sono volato a Nagano come uno 'qualsiasi' che non aveva mai vinto una competizione e ho iniziato la mia carriera dove altre persone finiscono la loro.

È davvero una carriera impressionante. Tinu, come ti sei avvicinato alla fotografia e cosa vi unisce?

Tinu: In realtà sono un'insegnante di scuola primaria a tempo pieno, sono arrivata alla fotografia solo a 30 anni. Una delle mie passioni è lo snowboard. Penso che io e Gian ci siamo trovati relativamente in fretta grazie alla nostra passione per questo sport. Quando ho iniziato a fotografare, mi sono subito reso conto che la fotografia sportiva mi attraeva quando ho sperimentato la fotocamera Reflex. Oggi, la fotografia d'azione è principalmente un hobby e la mia grande passione.

Il fotografo Tinu Müller e il campione olimpico Gian Simmen
Il fotografo Tinu Müller (destra) e il campione olimpico Gian Simmen (sinistra), © Tinu Müller

Come vi siete incontrati e cosa vi spinge ad uscire a fare foto insieme?

Tinu: Viviamo entrambi a Krattigen, un piccolo paesino dell'Oberland Bernese. I nostri figli più grandi sono andati all'asilo insieme, è così che siamo entrati in contatto per la prima volta. Qualche settimana dopo ha nevicato. Poi Gian mi ha chiamato che aveva costruito un bel salto a circa 100 metri da casa sua. Ci sono andato al tramonto, ha saltato alcune volte, ho fatto delle foto e filmato un po'. Praticamente non ci conoscevamo allora, ma ha funzionato. Sono state scattate delle belle foto.

Da allora, facciamo sempre uscite insieme quando abbiamo tempo. Il più delle volte abbiamo già un'idea concreta per una foto. C'è una lista enorme di idee nelle nostre teste su cos'altro vorremmo fare insieme (ride). La maggior parte delle volte, uno di noi chiama l'altro e dice "Ho tempo adesso, andiamo". È un po' caotico, ma abbastanza divertente, di solito ne viene fuori qualcosa di buono.

Il primo servizio fotografico insieme a Krattigen nel febbraio 2015, © Tinu Müller

Sì, qualcosa di molto buono! Hai appena vinto due premi con le tue foto. Al CEWE Photo Award, il più grande concorso fotografico del mondo, sei arrivato tra i primi 1000 su più di 600.000 partecipanti e sei arrivato secondo nel concorso parziale con la regione della Jungfrau. Come sono nate queste immagini impressionanti?

Tinu: Ci vuole molta fortuna, naturalmente - e una buona preparazione. La neve, il tempo e la luce devono essere perfetti. Inoltre, non ci deve essere una traccia sul pendio. Nel freeride non hai una seconda possibilità. La cosa più facile, naturalmente, è conoscere un campione olimpico come Gian (ride). Ha lavorato con i migliori fotografi per anni e sa esattamente cosa sta facendo.

Foto premiata: «Freeriding a Grindelwald»
«Freeriding a Grindelwald» ha raggiunto il secondo posto nel concorso «Winter nella regione della Jungfrau», © Tinu Müller

Avete anche dei consigli per i nostri fotografi dilettanti che vogliono scattare una buona foto d'azione sulle piste?

Gian: La corretta valutazione dei rischi è particolarmente importante. Ha bisogno di un lavoro di squadra e di consultazione: qual è l'idea, dove passiamo, come possiamo farlo? Dal basso, la pista o il pendio hanno un aspetto diverso che dall'alto, e bisogna fare attenzione a non uscire a 200 metri dal punto previsto per le foto. Soprattutto, il soggetto e il fotografo devono essere sicuri in ogni momento. Ci sono molte piccole cose che possono essere messe in scena bene fotograficamente. In competizione, ci sono salti mortali tripli con viti quadruple, ma questo non è necessariamente bello da vedere sulla foto. Un normale 360, dove la tavola è tenuta bene, è abbastanza e spesso sembra migliore in una foto. Anche l'abbigliamento è importante. Per esempio, sulla parete nord dell'Eiger a Grindelwald abbiamo un sacco di sfondo scuro. Se lo sportivo indossa abiti scuri, si perde nella foto.

Tinu: Sì, i colori brillanti sono solitamente buoni, colori contrastanti come l'arancione o il rosso. Penso anche che meno è meglio. Si dovrebbe prendere il tempo per scegliere una buona foto di paesaggio che funzioni in sé, invece di provare 100 cose.

E quali consigli avete in termini di tecnica?

Tinu: Una fotocamera veloce con un buon autofocus è importante. La mia raccomandazione se non avete fondi illimitati: è meglio investire in buoni obiettivi che in macchine fotografiche costose. L'obiettivo è sempre decisivo e, per esperienza, dura più a lungo della macchina fotografica.

Foto d'azione con lo snowboard
Foto d'azione con lo snowboard sulla rampa a Grindelwald-First © Tinu Müller

Avete un momento fotografico particolarmente divertente che vi piace ricordare?

Tinu: Circa tre anni fa, siamo andati al passo Susten all'inizio delle vacanze estive senza sapere se c'era ancora neve. Abbiamo imballato tutto: lo snowboard, lo skateboard e la bicicletta. Non c'era praticamente più neve in cima, ma volevamo fare delle belle foto. Senza ulteriori indugi, Gian ha indossato la sua attrezzatura completa da snowboard e si è arrampicato attraverso un ruscello con le sue scarpe. Ha poi posato su un banco di sabbia di fronte al paesaggio montano estivo. Non lo dimenticherò mai.

Ripresa da un drone intorno sul passo del Susten
Ripresa da un drone sul passo del Susten, vicino a Steingletscher: «L'inverno non è una stagione, ma un atteggiamento», © Tinu Müller

Gian: Per me, il momento fotografico speciale ha avuto luogo anche quel giorno. Dopo le foto con lo snowboard, abbiamo fatto delle foto al lago. In mezzo al lago c'era una pietra dietro la quale il sole stava tramontando. Tinu ha pensato che fosse un ottimo posto per una foto con la bici e mi ha suggerito di stare in equilibrio sulla pietra della ruota posteriore. La pietra era scivolosa e piccola, quindi non avevo praticamente spazio per mettere giù la bici, figuriamoci per salire sulla ruota posteriore, ma Tinu non si arrendeva. La terza volta sono quasi caduto in acqua. E Tinu ha detto con entusiasmo: «Fallo ancora, la luce è sempre meglio!» (ride).

Servizio fotografico in bici sul passo del Susten
«La pietra minacciosa sul passo del Susten»,© Tinu Müller

Hai già trasformato una delle tue foto in un prodotto fotografico?

Tinu: Ho così tante foto sul mio hard disk che negli ultimi anni ho ricominciato a stampare le cose. È tutto un altro mondo vedere la foto su una buona carta fotografica. Quando faccio dei fotolibri, deve essere di alta qualità, quindi ci do dentro (ride). Mi piace anche mettere le immagini selezionate su una grande pagina doppia. Quando abbiamo comprato la casa, il mio sogno era di fare una galleria fotografica con molte cornici e immagini diverse nel corridoio. È iniziato tutto con le foto dei nostri colleghi e con il tempo si è espanso fino ad includere foto preferite e foto di sport. Anche le foto di Gian sono appese lì.

Qual è il prossimo progetto fotografico che vorresti fare?

Gian: La lista ha 300 idee, ora però manca solo il tempo.

Tinu: Le idee ci sono. Alla fine sarà probabilmente di nuovo un'azione spontanea, è difficile da prevedere con noi.

Non vediamo l'ora, grazie mille per l'intervista.

Website: tinumueller.ch
YouTube: Tinu Müller Fotografie